Pietrabbondante 2017: fundraising

Duemila anni fa i Sanniti lasciarono qui le loro tracce.
Riscopri con noi la loro storia, tra religione guerra e mito.

La continua scoperta dei tesori nascosti di Pietrabbondante può non solo ampliare le conoscenze scientifiche, ma anche supportare e rilanciare l’economia e il turismo del territorio.

Contribuisci a sostenere una delle più belle regioni d’Italia.

Con il tuo contributo permetterai di:

  • Esplorare l'area del Santuario Orientale dove un sacello, parzialmente scavato nel 2016, ha documentato una tenue continuità di culto (almeno fino al V secolo d.C.), di cui è necessario appurare il carattere.
  • Indagare i settori più significativi e le strutture individuate ma ancora inesplorate.
  • Sostenere le spese di cantiere: operai specializzati, mezzi meccanici, assicurazioni.
  • Proseguire le attività di laboratorio e di studio sui materiali archeologici.
  • Ricostruire le vite degli abitanti di queste terre e mantenerne viva la memoria per le generazioni future.

Ogni contributo è per noi fondamentale!

I nostri sostenitori riceveranno un riconoscimento e costanti aggiornamenti sugli sviluppi della ricerca archeologica.

Se sei un'azienda o un organizzazione interessata a questo progetto, contattaci al seguente indirizzo: inasa.progetti@gmail.com


Sostieni gli Scavi

€25,783.00 of €40,000.00 raised
Select Payment Method
Loading...
Personal Info

Create an account (optional)

Donation Total: €5.00

Sei un'azienda o un'organizzazione?

Sponsorizza i nostri Progetti

Scrivici

Ultime Scoperte

La campagna scavi 2016 ha permesso di portare in luce un sacello, al cui interno, sono state rinvenute 350 monete di IV secolo, oltre ad elementi architettonici di recupero che testimoniano la presenza di altri edifici nella zona. La scoperta assume una rilevanza fondamentale non solo per la cronologia complessiva del santuario, ma anche per la comprensione delle pratiche cultuali e dei riti nel delicato passaggio dal paganesimo al cristianesimo.

Ultime Scoperte

La campagna di scavo 2013 ha permesso di portare in luce i due reperti più significativi posti all’interno della cella dell’Aerarium: una trapeza (tavolo in pietra) e un busto femminile in terracotta. E’ in corso l’elaborazione di un modello 3D per entrambi gli oggetti che saranno presto visibili online.

INASA - All Rights Reserved