1.5.12 - Minuta di lettera

Segnatura: Sub-fondo Navi di Nemi, b. 1, fasc. 1, sf. B.5, c.12

Tipologia: unità documentaria
Titolo: Minuta di lettera
Estremi cronologici: 1934 febbraio 14 [Anno XII]

Contenuto: Minuta di lettera da Corrado Ricci, senatore e presidente del Regio Istituto di Archeologia e Storia dell’Arte, ai ministri della Regia Marina, della Educazione Nazionale e dei Lavori Pubblici.

Mittente: Corrado Ricci
Destinatario: ministri della Regia Marina, della Educazione Nazionale e dei Lavori Pubblici
Luogo di partenza: Roma, Regio Istituto di Archeologia e Storia dell’Arte, Piazza Venezia 3
Luogo di arrivo: [Roma]

Regesto: Il senatore Ricci comunica con gioia che, a seguito delle intese raggiunte dal generale Pugliese con ditte private, verranno offerti da queste ultime materiali a titolo gratuito per la costruzione del Museo Nemorense. Perciò prega che si giunga al più presto alla delibera per la costruzione di questo edificio, che tutelerebbe in modo significativo le Navi di Nemi, altrimenti esposte ai mutamenti climatici stagionali.

Trascrizione:
“Eccellenza,
i miei colleghi della “Commissione delle Navi di Nemi” rappresentanti di vari Ministeri ed Enti interessati in una impresa di così alto valore nazionale, hanno voluto accordarmi l’onore di riferire all’E. Vostra la risoluzione unanime a cui sono giunti nella seduta di questa mattina.
Esaminate attentamente e vagliate tecnicamente le condizioni in cui le navi romane si trovano, sia dal punto di vista della conservazione che delle provvidenze occorrenti alla loro definitiva sistemazione, dopo aver ascoltato con vivo compiacimento ciò che S.E. il Generale Pugliese ha riferito in merito all’opera assidua del Ministero della Marina che è giunta fino a stabilire intese concrete e dirette per l’offerta gratuita di materiale costruttivo da parte di ditte private od enti per la costruzione del Museo Nemorense, la Commissione mentre plaude all’unanimità all’opera del Ministero della Marina, esprime la necessità di comunicare alle loro Eccellenze i ministri della Marina, dell’Ed. Nazionale e dei Lavori Pubblici l’urgenza della immediata attuazione della costruzione del Museo Nemorense.
Interprete di questo voto mi permetto di far notare all’E. Vostra quanto sia opportuno e, anzi necessario, concretare al più presto tale costruzione: ora che da parte di volenterosi si è giunti alla offerta gratuita del materiale necessario, come risulta dagli allegati che ho il piacere di trasmettere all’E. Vostra.
Sarebbe infatti dannoso tardare oltre nel dar atto alla costruzione del Museo Nemorense, giacché potrebbe darsi il caso che alcune delle imprese o degli Enti, oggi in condizioni di offrire la Loro opera, dovessero in un secondo tempo, per necessità, ritirarsi dal proposito, mentre è sembrato evidente alla Commissione che l’unico sistema per garantire l’incolumità delle Navi e la loro conservazione sia quello di ripararle, fuori dell’ambiente umido e degli agenti esterni.
È sembrato altresì alla Commissione che qualsiasi mezzo chimico di tutela del legno, deteriorato dalle intemperie, potesse essere rimandato ad un prossimo avvenire, con la certezza che, una volta al coperto definitivamente, le navi romane richiederanno appena una parte delle cure che oggi occorrerebbero a mantenerle in vita.
Tali propositi, Eccellenza, sono sembrati decisivi e di massima urgenza, per felice concomitanza di circostanze e di fattori pratici, ed anche perché esponendo ancora, così come si trovano, le navi al trascorrere delle stagioni, sarebbe sempre più difficile ottenerne la conservazione sicura.
Mi permetto perciò di pregare l’E. Vostra di volersi adoperare affinché l’On.le Ministero da Lei retto possa coadiuvare nel modo più efficace l’opera della Commissione che solo con questo mezzo, incoraggiata dall’alto patrocinio del Governo può impegnarsi di affidare al Nostro paese, in modo durevole, queste uniche reliquie della marineria romana. Esse costituiscono dei fattori eccezionali di cultura e di vita per l’educazione degli italiani e di moltissimi stranieri, che nell’impresa del recupero delle Navi di Nemi vedono giustamente una delle più coraggiose e significative iniziative del Regime, che dunque, come le altre, è doveroso condurre rapidamente a buon fine.
Non dubito che l’E. Vostra vorrà considerare con la maggiore benevolenza l’attuazione di questo proposito. Con vivo ossequio.
IL PRESIDENTE”

Consistenza: c. 1
Busta: 1
Fascicolo: 1
Nota dell’archivista: Firma mancante. Si segnala sul margine superiore al centro, in matita: “3 copie su carta intestata (questa in protocollo); sul margine superiore a destra, in matita: Nulla da osservare [Ricci?]”
Tipologia fisica: foglio
Supporto: carta
Descrizione estrinseca: Minuta di lettera dattiloscritta; mm 290x225; sul margine superiore sinistro: Prot. 2463/G, oggetto: Commissione delle “Navi di Nemi”
Stato di conservazione: buono

INASA - All Rights Reserved